ANTICIPO SCRUTINI, IL PARERE DEL CSPI

Ordinanza ministeriale relativa all’anticipazione degli scrutini finali: il parere del CSPI

Nell’adunanza plenaria svoltasi oggi, 27 aprile, in modalità telematica nel rispetto delle misure governative concernenti l’emergenza sanitaria, il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione (CSPI) ha espresso, con voto unanime, il [ https://www.cislscuola.it/fileadmin/cislscuola/content/Immagini_Articoli/Magazzino/2021/04_2021/CSPI-Parere-AnticipoScrutini_27apr_21.pdf ]parere sullo schema di ordinanza ministeriale che prevede, in deroga alle specifiche disposizioni vigenti, la possibilità di effettuare gli scrutini finali anche prima del termine delle lezioni, fermo restando l’avvio degli stessi non prima del 1° giugno 2021.
L’OM recepisce quanto previsto nel decreto-legge 19.5.2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17.7.2020, n. 77: in particolare, la disposizione contenuta nell’art. 231-bis, comma 1, lett. c).
Il CSPI

• ritiene condivisibile un’indicazione non prescrittiva della calendarizzazione degli scrutini con l’auspicio che le singole Istituzioni Scolastiche possano in autonomia gestire i tempi in base alle proprie esigenze organizzative, tenendo conto in primis della necessità di raccogliere tutte le evidenze utili per effettuare una valutazione che consideri le complesse modalità del processo di insegnamento/apprendimento di questo particolare anno scolastico;
• chiede di eliminare dal testo del provvedimento il riferimento all’effettuazione di almeno duecento giorni di lezione prima dell’inizio degli scrutini in quanto l’espletamento degli stessi è connesso al completamento delle attività di valutazione e non al numero di giorni assegnato allo svolgimento delle lezioni dell’anno scolastico.

CSPI Parere

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter

Ti potrebbero interessare anche...

INTERVISTA DI SCUOLAINFORMA A GISSI

Piano scuola estate, Gissi: ‘proposta seria, ma occorre impegno anche in altre cose’ (INTERVISTA) Maddalena Gissi: ‘la scuola d’estate è una proposta seria, ma bisogna